Home Qualcosa su di me…

Qualcosa su di me…

by wp_9154133

La prima cosa che voglio dire è che, questa pelosetta che vedete al mio fianco si chiama Poppy Rose ed è lei la nota più bella e interessante di questa pagina.
E’ arrivata a fine settembre dalla Calabria. Viaggiava su di un furgone che dal sud italia, ogni sabato, arriva fino alle città del nord trasportando canini ululanti e speranzosi di trovare qualcuno con cui passare le loro giornate.
Alle quattro di mattina, all’uscita di Firenze Nord è arrivata Poppy Rose…. e tutto è cambiato!
Poppy Rose, che fino al suo arrivo a Firenze si chiamava Dollina, era una canina randagia, viveva in strada e aveva trovato rifugio nel cortile di un condominio. Non se la passava molto bene a giudicare dalla foto che le volontarie mi hanno mandato; piena di croste per via della rogna, spelacchiata e tremendamente magra. Ma il destino si può cambiare; da soli è dura, incontrando qualcuno, insieme a qualcuno le cose cambiano.
Le amiche ci dicono che è stata una canina fortunata ad incontrarci, io dico che la fortuna l’abbiamo avuta io e la mia compagna Alessandra a trovare Poppy!

Ero un po’ triste prima che Poppy arrivasse. Ho sempre avuto difficoltà nello “star qui“… nel senso che, da sempre, sono compagna di un umore ballerino e di un sentimento di inadeguatezza di fronte alla forza e alla sicurezza (seppur talvolta paventata) del mondo e dei suoi abitanti.

Dunque, Poppy e la cucina non c’entrano niente l’una con l’altra. Sì, qualche volta faccio un bel pappone per Poppy con carote, zucchine, riso ma, francamente, oltre a poter dire che sono due passioni e fonti di affettività della mia vita… altro non avrei da aggiungere su questo legame (ma forse già questo non è poco)!

Non so quando ho iniziato ad appassionarmi alla cucina. Ricordo che fin dall’adolescenza ero “quella che fa le torte“. Mi piaceva presentarmi con qualcosa in dono per gli altri; che si trattasse di una festicciola o di un viaggio in macchina mi piaceva stare insieme a persone che mangiavano qualcosa che avevo cucinato.  Soprattutto, ero famosa per le mie “torte mappazza“. Erano buonissime, questo me lo dicevano tutti, ma caratterizzate da una consistenza pesante ed umidiccia.

La leggerezza non è mai stata il mio forte, sia della cucina che dell’anima!

Con l’età si fa pace anche con questo ed una volta raggiunta (almeno) un po’ di tranquillità con la propria pesantezza, ed in generale con chi si è, anche la cucina può sperare di cambiare e, nel mio caso, acquisire quella leggerezza che non mi ha mai contraddistinto.
Al tempo in cui preparavo le “torte mappazza” non era proprio una cosa figa saper cucinare e girare con i dolci in saccoccia.

Ho vissuto l’adolescenza negli anni ottanta quando eravamo ancora liberi dalla declinazione della cucina in competizione, apparenza, fretta e stress ed i vari Master Chef ancora dovevano essere concepiti.
Non sarebbero certamente mai state queste le cifre del mio far le torte ma di sicuro, fossi stata adolescente oggi, sarei stata considerata ben più cool, ganza, top!

Negli anni ottanta era un atto eroico, con i miei 16 anni, presentarsi alle feste con una torta in mano!
Apparivo assai demodè, sparuta,  un po’ ridicola, una vecchia zia e, addirittura, portatrice di un modello, quello della donna che cucina, da fare in mille pezzi e buttare dalla rupe!

Può il cibo, e la cura della sua preparazione, contribuire alla scrittura di una Storia – diversa da quella fatta di contrapposizioni di blocchi, di schieramenti che delle religioni hanno fatto ideologie di lotta, che ai Popoli ha contrapposto gli Stati, che sulla logica del <confine>, dell’isolamento dell’uno dall’altro ha costruito un modello sociale di vita – basata sul rispetto, sulla ricchezza della diversità perché prevalga la logica della ragione dell’Armonia?
Le mie utopiche speranze trovano conforto raramente nelle cronache, nelle notizie. Ho rifugio nel mio mondo di cucine, domestiche e professionali, quelle che emanano caldi, profumati vapori portatori di sapienza culinaria, capacità di strutturata alimentazione quotidiana per famiglie e clienti, quelle della cura nella ricerca dell’ingrediente migliore, dalla spiccata freschezza, quelle senza tempo, dove il Tempo è ingrediente tra i più raffinati.

Dalle “torte mappazza” sono passata alla lettura: libri sulla cucina di luoghi lontani, ricette strane, ingredienti sconosciuti e quella frase – scritta nella prefazione di “A tavola con il sultano” di Stéphane Yerasimos studiosa turca di urbanistica, geopolitica ed esperta di storia dell’Impero ottomano – in cui ho ritrovato palesato quello che avrei voluto fare, i miei desideri e il significato della cucina per me.

Da quella frase, desiderare di studiare la cultura gastronomica della Palestina il passo è stato breve! 🙂
Ho viaggiato in Palestina diverse volte.
Una paese che ti sbatte in faccia la sua terra, umida e scura e ti si appiccica addosso. 
Quello che vedi, ascolti, senti viaggiando in Palestina diventa simbolo e metafora per tutte le ingiustizie, per tutte  le sofferenze ed io, come molti, per coscienza e dovere morale ho accolto la responsabilità di dire qualcosa, che reputo giusto, corrispondente alla realtà e importante, su quella terra e quel popolo.
Per la voglia di tornare in Palestina e volendo contribuire in maniera diversa a farla conoscere, mi sono inventata un progetto finalizzato alla realizzazione di un documentario sulla cucina palestinese.
Volevo anche raccontare di come vive il popolo palestinese al di la del conflitto (nei limiti del possibile poichè un’occupazione militare entra in casa, in camera, in bagno ed anche nella cucina).
Il titolo che avevo trovato per questa idea raccoglieva in se i miei desideri: una Palestina POP, popolare, a colori, con l’energia e la festosità che si vive e si comprende solo viaggiando in quella terra.

Da un desiderio ed una visione di emozioni da tradurre in immagini e colori è nato il documentario ed il libro di cucina “Pop Palestine. Salam cuisine da Hebron a Jenin”.

Già prima di partire avevo chiaro come avrei voluto raccontare la Palestina: a colori, pop ovvero popolare e trasmettere tutte quelle energie, quella gioia, quello stare bene che solo chi viaggia per la Palestina può aver provato.

Una Palestina che soffre e, forse proprio per questo, quando questo popolo ha occasioni per essere felice lo è più di altri.
Di questo volevo raccontare. E’ stato un viaggio stupendo. Siamo partiti in 4 amici da Firenze (Armando il cuoco, Alessandra la fotografa/videomaker, Stefanino l’assaggiatore ed io) ed in Palestina abbiamo conosciuto Fidaa che è oggi una cara amica.

Scrivere Pop Palestine è stato un lavoro durissimo, lunghissimo, che per tre anni ha animato ogni attimo di tempo libero dal lavoro. La passione è così, si impone, diventa una priorità e sacrifichi qualsiasi cosa in suo nome. Così è stato per me scrivere questo libro, cucinare i piatti per verificare le ricette e fare le fotografie (sono di Alessandra tutte le bellissime foto del libro e che pubblichiamo sui social).
La cucina Pop andrà avanti, con nuovi progetti e la voglia di far conoscere altri popoli e culture, fondamentale strumento per sconfiggere questa dilagante paura che ci rende pietrificati, disumanizzati, cadaveri d’umanità.

Questo sito è per me un hobby e un divertimento, è la chiusura del cerchio, è il volersi ricomporre mettendo insieme le proprie passioni.

Nasce anche dalla voglia di continuare a  studiare.
Dal desiderio di concedersi il tempo per leggere tutti quei libri di cucina che tengo in casa e di cui rimando la lettura. Ecco, ogni tanto dare una “struttura” alle cose aiuta. Forse così riuscirò ad organizzare la mia passione.

Per quanto riguarda te, te che ti sei preso la briga di leggere, alla fine quello che vorrei fare con questi post di ricette…. è ricaricare le mie e le tue batterie con energia di cose che danno piacere al palato e che guardandole facciano fare un bel respiro come a dire “che belli questi colori, sarà bella e sorridente la mia giornata.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy